Privacy Policy



Attualità

VOUCHER DIGITALIZZAZIONE, L’APPROFONDIMENTO A CURA DI ANTONIO CALDAROLA

VOUCHER DIGITALIZZAZIONE, L’APPROFONDIMENTO A CURA DI ANTONIO CALDAROLA

Finalmente il 20 Giugno, dopo un lunghissimo iter alquanto travagliato, è stato pubblicato l’elenco dei voucher assegnati con i relativi importi. L’elenco delle imprese pugliesi è consultabili sul portale del ministero dello sviluppo economico (http://www.sviluppoeconomico.gov.it/images/stories/normativa/Allegato_A_-_Puglia.pdf).

La pubblicazione degli importi ha rivelato una grossa sorpresa … nonostante le previsioni, in Puglia i voucher sono stati finanziati al 100%. E’ qui c’è la prima anomalia, in quanto sono nelle regioni del sud Italia i voucher sono stati finanziati al 100%, contrariamente al resto d’Italia in cui mediamente le disponibilità hanno coperto circa il 30% degli importi previsti.

 Tempi e Date :

Già a partire dal 14 marzo 2018, data di pubblicazione dell’elenco delle imprese ammissibili al Voucher, è possibile iniziare gli acquisti previsti nel piano d’investimento.

Le prossime date:

  • le stesse spese debbono essere ultimate non oltre sei mesi dalla data del 14/03/2018, quindi non oltre il 14/09/2018. Per data di ultimazione si intende la data dell’ultimo titolo di spesa ammissibile;
  • I pagamenti devono essere effettuati prima della presentazione di richiesta di erogazione, comunque non oltre il 13/12/2018;
  • le richieste di erogazione possono essere presentate a partire dal 14/09/2018 e comunque entro il 13/12/2018.

Modalità di gestione:

Ricordo che l’importo del voucher assegnato verrà liquidato solo dopo aver completato il piano d’investiment, e sarà erogato per un importo massimo del 50% dell’importo (al netto d’iva) investito. Quindi, un’azienda a cui è stato assegnato un voucher di € 10.000,00, dovrà prima fare acquisti e liquidare fatture per un totale di € 20.000,00 + IVA = € 24.400,00.

Ricordiamo le regole per la gestione della rendicontazione:

  • Le fatture d’acquisto devono avere una data compresa fra il 14/03 ed 14/09/2018;
  • i titoli di spesa devono riportare la dicitura: «Spesa di euro … dichiarata per l’erogazione del Voucher di cui al D.M. 23 settembre 2014». Per i progetti di spesa agevolati con le risorse di cui all’art. 2, comma 1, lettera a), del DD 24/10/2017 la predetta dicitura deve essere integrata con la seguente «Programma operativo nazionale».
  • Le fatture vanno pagate con bonifico bancario, utilizzando sempre lo stesso conto corrente;
  • I fornitori dovranno rilasciare quietanza liberatoria, secondo lo schema previsto dal ministero (http://www.sviluppoeconomico.gov.it/images/stories/normativa/incentivi/voucher-digitalizzazione/Allegato_n._4.pdf);
  • Ogni modifica rispetto al progetto iniziale, sia in termini di capitoli di spesa che di sede, vanno comunicati prima della rendicontazione;
  • Una volta ultimato il piano d’investimento ed il pagamento delle relative fatture, sarà possibile presentare la rendicontazione e richiedere l’erogazione del voucher.

Difficoltà e problemi

Premesso che questo incentivo rappresenta un’ottima opportunità per le nostra imprese, c’è il grosso rischio che l’incentivo possa essere sfruttato in maniera non ottimale. Personalmente, sto riscontrato parecchie difficoltà delle aziende, difficoltà legate principalmente a due fattori:

Punto Primo: Impegno Finanziario

Prima di poter ricevere gli importi assegnati è necessario liquidare le fatture. Come già detto prima, per un voucher da 10.000 euro è necessario un impegno finanziario di quasi 25.000 euro … Una bella cifretta, soprattutto per piccole imprese, che hanno difficoltà ad accedere ai circuiti bancari, e sicuramente avrebbero maggiore necessità di innovare e digitalizzare i processi aziendali;

Punto Secondo: Tempi ristrettissimi

La seconda difficoltà è legata ai tempi. Gli importi dei voucher sono stati ufficializzati solo il 20 giugno (il primo giorno d’estate) e tutte le imprese, vista l’incertezza di tali importi, ha iniziato solo da quel giorno a programmare il piano d’investimenti. Questi significa che dal 20 giugno al 13 settembre, le imprese avranno a disposizione neanche 3 mesi per scegliere come fare investimenti così importanti … O meglio neanche 2 mesi se si considera che Agosto è un mese di ferie sia per le imprese e per noi fornitori.

Fra l’altro noi fornitori ci troviamo sommersi di richieste di forniture, richieste a cui rischiamo di non poter dedicare il giusto tempo necessario, o peggio potremmo essere costretti a rinunciare a parte delle forniture richieste.

Per esempio, le imprese che hanno scelto di utilizzare il voucher in formazione del proprio personale, difficilmente riuscirà a farlo, perché a luglio ed agosto la maggior parte degli istituti di formazione non prevedono lezioni.

La mia opinione

A causa dei problemi indicati si rischia che molte imprese (soprattutto le micro) non riusciranno ad utilizzare tutto il voucher assegnato, oppure potrebbe utilizzarlo in fretta e furia, senza la necessaria lucidità necessaria a valutare al meglio la scelte più opportune.

Noi di IDEASVILUPPO, fornitori di hardware, software e consulenza, oltre ad assistere i clienti nella gestione della rendicontazione, abbiamo anche previsto una serie di incentivi:

  • Abbiamo stretto una collaborazione con una finanziaria che si è resa disponibile a finanziare il piano d’investimenti previsto;
  • Proponiamo la dilazione dei pagamenti entro dicembre 2018;
  • Proponiamo la permuta con supervalutazione del vecchio hardware e software;
  • Proponiamo il pagamento tramite “baratto”, ossia la possibilità di pagare parte della fornitura con la vendita dei propri servizi, ove ci fosse la possibilità.

A prescindere da questo, auspichiamo, e ci siamo già fatti promotori in tal senso, che il MISE apporti qualche piccola deroga e modifica. In particolare la nostra richiesta è stata:

  • Prorogare il termine degli acquisti almeno fino a fine anno, se non portarlo a 12 mesi dalla data di assegnazione dei voucher;
  • Prevedere uno step di rendicontazione intermedio, che dia la possibilità alle imprese di rendicontare le prime fatture ricevute e richiedere un acconto (almeno il 50%) rispetto al voucher assegnato.

Chi è IDEASVILUPPO

Ideasviluppo srls è una start innovativa che si occupa di consulenza informatica, sviluppo software in cloud, implementando soluzioni su misura, personalizzate alle esigenze dei singoli clienti. Attualmente conta circa 80 attivazioni di sistemi sviluppati per aziende dislocate in tutto in nord barese.

 

Facebook Comments
Share
Click to add a comment

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Attualità

More in Attualità

Testata registrata presso il Tribunale di Trani. Editore: Double P Communication Direttore Responsabile: Paolo M. Pinto Agenzia Pubblicitaria: Double P Communication, Corso Piave, 22 - Ruvo di Puglia - P. IVA: 07296270726 Per la tua pubblicità è possibile contattare il n. 3341284080. ruvesi.it è il portale di riferimento della città di Ruvo di Puglia nato dall'unione di ruvodipugliaweb.it e ruvochannel.tv! Tutti i contenuti video, audio e news sono di proprietà di ruvesi.it

Privacy Policy

Copyright © Double P Communication