Privacy Policy



Cronaca

“CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO”, PENDOLARI STUFI

“CI SCUSIAMO PER IL DISAGIO”, PENDOLARI STUFI

Giornata da incubo per tantissimi pendolari di Ferrotramviaria. Un pomeriggio di normale tranquillità trasformato in psico-dramma quando è stato diffuso l’annuncio “Si informano i signori viaggiatori che il treno resterà fermo a causa di mancata corrente. Ci scusiamo per il disagio”. E non è la prima volta che accade.

Il disagio è proseguito fino alle 19.40, quando il treno è stato spinto presso la stazione di Ruvo di Puglia.

Il treno era partito dalla stazione di Bari e diretto a Barletta si è fermato improvvisamente a pochi chilometri dalla stazione di Ruvo, in aperta campagna, sembra a causa black-out elettrico.

I passeggeri sono rimasti bloccati per quasi circa due ore all’interno del treno e successivamente è iniziata la procedura di sgombero con l’intervento dei Vigili del Fuoco e del personale sanitario.

Il black-out ha avuto conseguenze negative sulla circolazione ferroviaria su tutta la tratta: si sono registrati pesanti ritardi e soppressione di alcuni treni.

Al momento, nessuna dichiarazione ufficiale di Ferrotranviaria dopo questa ennesima loro giornata nera.

“Ero sul treno incriminato – racconta un passeggero – quello che é accaduto sul treno della Ferrotranviaria è ridicolo. Ci siamo fermati con la scusa di mancata alimentazione di corrente. Poi dopo più di un ora sono arrivati i pompieri chiamati con netto ritardo, il personale alle domande come al solito ha dimostrato incompetenza. Giustamente dopo avviata la procedura con i pompieri e carabinieri é passata un altra ora per far sì che arrivasse un altro treno per rimorchiarci in stazione a Ruvo. Le lamentele dei pendolari sono sulla mancata informazione e sui tempi dell’intervento e giustamente sul cmq rincaro degli abbonamenti”.

Facebook Comments
Share
View Comments (1)

1 Comment

  1. Rino Stasi

    20/11/2018 at 8:38

    E le persone sui treni successivi?
    Bloccati prima a Palese, poi ai Santi Medici, poi fatti scendere a Bitonto, dove, a fronte di circa 300 persone (e con altri 2 treni arrivati successivamente), vi era un solo bus da 50 posti (…e pioveva).
    Gente che si scazzottava per salire ed urla e lotte tra “poveri”.
    In tutto questo, neanche l’ombra di un “instancabile lavoratore” delle ferrovie a dirigere le operazioni o a tranquillizzare l’utenza, o a far capire il percorso all’autista del bus.
    Conclusione: 2 ore e 30 minuti Bari-Ruvo (treno delle 17,16).
    ….la colpa è di chi non revoca immediatamente la concessione a questa azienda di truffatori.

Leave a Reply

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Cronaca

More in Cronaca

Testata registrata presso il Tribunale di Trani. Editore: Double P Communication Direttore Responsabile: Paolo M. Pinto Agenzia Pubblicitaria: Double P Communication, Corso Piave, 22 - Ruvo di Puglia - P. IVA: 07296270726 Per la tua pubblicità è possibile contattare il n. 3341284080. ruvesi.it è il portale di riferimento della città di Ruvo di Puglia nato dall'unione di ruvodipugliaweb.it e ruvochannel.tv! Tutti i contenuti video, audio e news sono di proprietà di ruvesi.it

Privacy Policy

Copyright © Double P Communication