Commercio

OLIO: COLDIRETTI PUGLIA, GRAVE ERRORE TOGLIERE DATA SCADENZA; IN SOLI 28 GIORNI DA EUROPA 2 PROVVEDIMENTI INACCETTABILI

OLIO: COLDIRETTI PUGLIA, GRAVE ERRORE TOGLIERE DATA SCADENZA; IN SOLI 28 GIORNI DA EUROPA 2 PROVVEDIMENTI INACCETTABILI

“Daremo battaglia e al nostro fianco avremo l’Istituto Pugliese per il Consumo, perché togliere la data di scadenza dell’olio di oliva per favorire lo smaltimento delle vecchie scorte si traduce in un grave danno dei consumatori che acquisteranno inconsapevolmente prodotto che invecchiando perde le sue benefiche proprietà organolettiche. La data di scadenza non sarà più di 18 mesi, ma potrà essere decisa liberamente dagli stessi imbottigliatori, il che equivale di fatto a cancellarla, poiché ognuno potrà metterla in base ai propri interessi commerciali ed è evidente il rischio che in molti ne approfitteranno per smaltire l’olio vecchio”.

E’ il commento del Presidente di Coldiretti Puglia, Gianni Cantele, all’esito delle votazioni della Commissione politiche dell’Unione Europea del Senato che ha esaminato la Legge europea 2015 diretta a modificare l’articolo 7 della legge n. 9 del 2013 nella parte in cui prevede un termine minimo di conservazione non superiore ai diciotto mesi per l’olio di oliva.

Numerosi studi scientifici hanno dimostrato che con l’invecchiamento – precisa la Coldiretti – l’olio comincia a perdere progressivamente tutte quelle qualità organolettiche che lo caratterizzano (polifenoli, antiossidanti, vitamine) e che sono alla base delle proprietà che lo rendono un alimento prezioso per la salute in quanto rallentano i processi degenerativi dell’organismo.

“In soli 28 giorni – incalza il Direttore di Coldiretti Puglia, Angelo Corsetti – l’Europa ha inferto due duri colpi all’olivicoltura italiana e pugliese in particolare, con l’accesso temporaneo di olio a dazio zero dalla Tunisia prima, per cui il mercato sarà inondato da 35mila tonnellate extra per il 2016 e altrettante nel 2017, oltre alle 56.700 attuali, che porta il totale degli arrivi “agevolati” annuale oltre quota 90mila tonnellate, praticamente tutto l’import in Italia dal Paese africano e oggi con il provvedimento che di fatto consente di eliminare la data di scadenza dell’olio dalle etichette”.

La Puglia rappresenta quasi il 40% della produzione olivicola italiana che conta un fatturato di 522 milioni di euro l’anno. Il tessuto imprenditoriale è rappresentato da 270mila imprese olivicole esistenti, pari al 22% delle aziende italiane. Anche gli oli DOP pugliesi registrano il fatturato più alto d’Italia, pari a circa 28 milioni di euro. Ha ottenuto il riconoscimento comunitario per 5 oli DOP (Denominazione d’Origine Protetta)  al ‘Terra di Bari’, ‘Terra d’Otranto’, ‘Dauno’, ‘Collina di Brindisi’ e ‘Terre Tarentine’ ed una produzione pari a 11 milioni di quintali di olive ed oltre 2,2 milioni di quintali di olio, con un’incidenza della produzione olivicola regionale su quella nazionale pari al 36,6% e al 12% di quella mondiale.

Click to add a comment

Rispondi

Commercio

More in Commercio

Testata registrata presso il Tribunale di Trani. Editore: Double P Communication Direttore Responsabile: Paolo M. Pinto Agenzia Pubblicitaria: Double P Communication, Corso A. Jatta, 45 - Ruvo di Puglia - P. IVA: 07296270726 Per la tua pubblicità è possibile contattare il n. 3341284080. ruvesi.it è il portale di riferimento della città di Ruvo di Puglia nato dall'unione di ruvodipugliaweb.it e ruvochannel.tv! Tutti i contenuti video, audio e news sono di proprietà di ruvesi.it

Copyright © Double P Communication